Newsletter

Municipio settimo, il divorzio Lozzi – Cinque stelle

(di Massimo De Simoni)

 

La decisione della Presidente del Municipio VII Lozzi di abbandonare il Movimento cinque stelle per aderire all’antistorico movimento di Paragone (nato intorno allo slogan Italexit) pone un problema di verifica rispetto all’esistenza di una maggioranza politica municipale.

Al riguardo è imbarazzante il tentativo messo in atto dai consiglieri municipali pentastellati per cercare di minimizzare la vicenda, con l’evidente obiettivo di rimanere aggrappati al posto in Consiglio il più a lungo possibile Continue reading “Municipio settimo, il divorzio Lozzi – Cinque stelle”

Se vince la retorica

(di Massimo De Simoni)

 

Se vince la retorica non si prende parte alle riunioni istituzionali, perché si preferisce “incontrare i lavoratori del porto”; se vince la retorica non si partecipa ai lavori del Parlamento perché “la vita vera è fuori dal palazzo”; se vince la retorica non si svolge la propria funzione istituzionale perché “è meglio stare tra la gente” (magari a fare selfie..); se vince la retorica si organizza una manifestazione con tanto di striscione (evidentemente preparato da tempo) per poi fingersi sorpresi per l’assembramento. Continue reading “Se vince la retorica”

Salvini e la mezz’ora di bugie dall’Annunziata

(di Massimo De Simoni)

 

Imbarazzante insufficienza dell’Annunziata che nell’odierna intervista a Salvini ha consentito al leader della Lega di dire cose oggettivamente insostenibili, senza neanche abbozzare un contraddittorio sulle sciocchezze che il leghista andava sciolinando; la perla (tra le tante) è stata quella con la quale ha tentato di giustificare il “no” della Lega sia al MES che al Recovery Fund per recuperare le risorse necessarie ad avviare la ripartenza del Paese. Continue reading “Salvini e la mezz’ora di bugie dall’Annunziata”

Buon primo maggio

Buon primo maggio e Auguri soprattutto a chi cerca un lavoro e a chi si batte per la dignità e la sicurezza delle persone che lavorano.

LA PASQUA ESSENZIALE

(di Massimo De Simoni)

E’ Pasqua anzi verrebbe quasi da dire che è comunque Pasqua, nonostante l’inedita ed anomala situazione che stiamo vivendo chiusi in casa ormai da più di un mese a causa del virus.

E’ Pasqua anche senza le ritualità che tradizionalmente accompagnano questa festa o altre ricorrenze che originano da un messaggio religioso che viene spesso offuscato da riti consumistici e convenzioni legate avvolte più alla tradizione ed al folklore che non al reale significato di ciò che si festeggia. Continue reading “LA PASQUA ESSENZIALE”

SANITÀ E SENNO DI POI

(di Massimo De Simoni)

In queste giornate segnate da angoscia e preoccupazione per le vittime del virus assistiamo allo spettacolo messo in scena dagli scandalizzati con la memoria corta.

E’ molto frequente ascoltare lezioni sull’organizzazione del nostro sistema sanitario e su come si sia sbagliato nel fare operazioni di contenimento della spesa sanitaria; fin troppo facile, verrebbe da dire, soprattutto in piena emergenza epidemiologica! Continue reading “SANITÀ E SENNO DI POI”

UNITA’ E UMILTA’ “URBI ET ORBI”

(di Massimo De Simoni)

 

E’ stata una inconsueta benedizione “Urbi et Orbi” quella che Papa Francesco ha impartito venerdì 27 marzo in un’insolita Piazza San Pietro completamente deserta.

Nella stessa giornata a qualche centinaio di metri in linea d’aria, dal colle del Quirinale, il Presidente Mattarella rivolgeva agli italiani un messaggio di unità ed incoraggiamento per uscire dalla grande difficoltà che attanaglia il Paese come anche  gran parte del mondo; due messaggi che hanno sottolineato l’esigenza di stare uniti in questo grande sforzo e che sono stati dati nella stessa giornata anche per dare un segnale di unità lasciando da parte qualunque preoccupazione per sovrapposizioni di tipo comunicativo. Continue reading “UNITA’ E UMILTA’ “URBI ET ORBI””

No alla BCE di Ponzio Pilato

(di Massimo De Simoni)

L’infelice uscita della Presidente della Banca Centrale Europea, Christine Lagarde, chiama a delle valutazioni che è bene non fare a caldo, ma quando è trascorso qualche giorno dalla rettifica riparatoria.

Con la sua incauta dichiarazione la Lagarde ha emulato la tragica lavata di mani di Ponzio Pilato, non riuscendo a fare una valutazione politica di ciò che stava dicendo e soprattutto del contesto di difficoltà assolutamente straordinaria e inedita che sta interessando l’Italia e progressivamente l’Europa e il mondo intero. Continue reading “No alla BCE di Ponzio Pilato”