Newsletter

PRUDENZA O PAURA?

(di Massimo De Simoni)

 

Nel Paese paralizzato dal Coronavirus si fatica a ragionare su qualunque altro tema e la doverosa prudenza sta velocemente degenerando in paura; in questo senso il virus ha già colpito tutti.

Quando nelle comunicazioni provenienti da istituzioni ed organismi sanitari si raccomanda di evitare i contatti tra persone, i gesti di normale cortesia o affettuosità come il darsi la mano o baciarsi, si capisce che dovremo accettare dei cambiamenti di abitudini e di comportamenti, a cominciare da scuole e luoghi pubblici che stanno diventando inaccessibili. Si deve fare e si farà, con senso civico e con spirito di altruismo; se in questi giorni abbiamo resistito alla ”lezione” della D’Urso che ci ha spiegato in diretta televisiva come ci dobbiamo lavare le mani, riusciremo a sopportare anche questi ulteriori cambiamenti. Continue reading “PRUDENZA O PAURA?”

IL PARLAMENTO NON CONDANNA

(di Massimo De Simoni)

 

Mi scuso preventivamente con chi avrà la bontà di leggere questa nota, per il titolo scelto e per un’affermazione scontata – se volete perfino banale – che per alcuni risulterà essere una inutile riaffermazione di quanto già scritto nella Costituzione.

Ma quel che è seguito al voto del Senato sulla vicenda giudiziaria di Salvini (per il fermo della nave Gregoretti) merita un chiarimento, visto che la vulgata scomposta di questi giorni ha spesso partorito titoli strampalati che parlavano “tout court” di condanna o processo che il Senato avrebbe fatto all’ex Ministro dell’Interno. Continue reading “IL PARLAMENTO NON CONDANNA”

Alberto Marvelli, beato per fede e per impegno politico e sociale

(di Massimo De Simoni)

 

Una vita breve ma intensa quella di Alberto Marvelli tra attività caritatevole, impegno nel sociale e nella politica; una vita interrottasi prematuramente all’età di ventotto anni e ispirata a Pier Giorgio Frassati. Alberto si forma nell’oratorio salesiano di Rimini e laureatosi in ingegneria ebbe tra le sue esperienze lavorative anche quella della Fiat, ma la sua vocazione era di altro genere.

Nel ‘43 fu arrestato per aver contraffatto dei documenti per salvare dei ragazzi che non volevano essere arruolati nell’esercito della repubblica di Salò. Continue reading “Alberto Marvelli, beato per fede e per impegno politico e sociale”

Le dimissioni di Di Maio. Chi si estranea dalla lotta…

(di Massimo De Simoni)

 

Le dimissioni di Luigi Di Maio da “capo politico” del Movimento 5 Stelle sono arrivate in un momento delicato, vista l’imminente scadenza elettorale regionale di Emilia Romagna e Calabria.

E’ difficile giustificare la fretta di questa scelta, visto che un eventuale insuccesso pentastellato non metterebbe Di Maio al riparo da critiche solo perché dimessosi quattro giorni prima del voto; anzi, l’abbandono della nave che affonda si configura a tutti gli effetti come un’ulteriore responsabilità. Perché allora questa fuga repentina? Continue reading “Le dimissioni di Di Maio. Chi si estranea dalla lotta…”

Saggezza proporzionale

(di Massimo De Simoni)

 

La riduzione del numero dei parlamentari ha creato la necessità di modificare il sistema elettorale, fornendo anche l’occasione per riflettere sui correttivi da apportare al meccanismo di elezione dei rappresentanti dei cittadini.

L’esperienza di questi ultimi venti anni (caratterizzati da sistemi di stampo sostanzialmente maggioritario) ha infatti evidenziato le difficoltà nel gestirne le ricadute in termini di eccessiva personalizzazione della politica; per dirla in modo ancora più chiaro, è emersa una certa impreparazione del nostro paese nel contenere le tentazioni generate da sistemi elettorali che stimolano i protagonismi individuali mettendo al centro della competizione nomi e volti (magari truccati e ritoccati, se necessario) anziché forze politiche, programmi e proposte. Continue reading “Saggezza proporzionale”

L’Anno che sta arrivando

(di Massimo De Simoni)

 

L’anno appena trascorso ci ha insegnato cose, in termini politici e sociali, delle quali dovremmo fare tesoro; il 2019 ha dimostrato che non esistono risultati scontati, scelte irreversibili o strade senza ritorno. E’ un insegnamento che ci dovrebbe consentire di affrontare il futuro con meno pessimismo, a patto che la politica si occupi di questioni reali anziché avvitarsi su tematiche autoreferenziali.

La politica deve occuparsi maggiormente di chi soffre e se ne deve occupare con spirito di “compassione”, ovvero con compartecipazione alle difficoltà delle persone e con disponibilità alla condivisione del loro disagio. Continue reading “L’Anno che sta arrivando”

Il furbo Congresso della Lega

(di Massimo De Simoni)

 

Nei giorni scorsi si è tenuto il congresso della Lega o qualcosa di simile, visto che la platea era composta da 126 persone rispetto agli oltre cinquecento delegati attesi; l’appuntamento è servito a sancire l’archiviazione della formazione di bossiana memoria (indipendenza del nord, federalismo, secessione, ecc.) e la nascita del partito personale di Salvini con ambizioni nazional-sovraniste.

Ora gli “interna corporis” della Lega potrebbero anche interessarci relativamente, se non fossimo in presenza di una furbizia che va ad incidere sui soldi che quella forza politica deve restituire allo Stato a seguito di una sentenza che ha riconosciuto come improprio l’uso delle risorse (pubbliche!) percepite a titolo di rimborsi elettorali.

La nascita della “Lega per salvini” trasforma infatti la vecchia “Lega nord” in una scatola vuota in termini politici, organizzativi e (soprattutto) economici; una trasformazione non casuale che consentirà di convogliare le entrate (iscrizioni, sottoscrizioni, contributi degli eletti) sul nuovo soggetto politico, relegando la vecchia Lega al ruolo di “bad company” con in pancia (solo) i debiti verso lo Stato (e quindi verso “gli italiani”), azzerando in questo modo la possibilità di eventuali azioni di recupero dei quarantanove milioni di euro.

In questo caso il famoso “prima gli italiani” è stato sostituito con “prima i furbi”!

Il nuoto libero delle sardine

(di Massimo De Simoni)

 

Nella piazza di San Giovanni a Roma sono stato tra le cosiddette “sardine” in quella bella e pacifica manifestazione, che ha registrato una grande partecipazione di cittadini (italiani e non) di tutte le fasce di età e di diversa provenienza territoriale, dal centro alla periferia. Persone che avevano voglia di essere lì per testimoniare la loro vicinanza a chi ha avuto il coraggio di dare voce al pensiero dei tanti che nell’era “salvinista” credono sempre nei valori dell’antifascismo, dell’antirazzismo e del rispetto del prossimo, indipendentemente dalla cultura e dalla storia di appartenenza o di provenienza. Continue reading “Il nuoto libero delle sardine”

Il “derby” Lozzi–Raggi, conflitto vero o di convenienza?

(di Massimo De Simoni)

 

Da più di un anno nel Municipio VII di Roma assistiamo ad una progressiva azione di allontanamento della Presidente Lozzi dalla Sindaca Raggi; quasi un ripudio e un’ammissione di fallimento politico. In prima battuta si potrebbe commentare con un “meglio tardi che mai”, soprattutto da chi la Raggi non l’ha votata né l’ha mai giustificata per il disastro nel quale ha lasciato precipitare la Capitale. Continue reading “Il “derby” Lozzi–Raggi, conflitto vero o di convenienza?”